arte riciclata, Bruna X, Arte Moderna Italiana

 
CLICK ON INDIVIDUAL THUMBNAILS
TO VIEW LARGER IMAGES

Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
       
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
     
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
     
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
     
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
     
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
     
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
     
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
     
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art
Arte Riciclata Bruna X Modern Italian Art

 

 

                                                                  CLICCARE SULLE IMMAGINI PICCOLE PER INGRANDIRLE

arte riciclata
The esoteric mindset of the artist had a tendency at times to bypass Planet Earth, which is why she was never interested in politics, nor did she ever pay anything other than lip service to the environmental movement. It is important to bare this in mind when considering her Arte Riciclata compositions as some confusion has arisen concerning their origin. They have incorrectly been classed as either Eco-Art, the recycling of materials with an environment- friendly ethos or, more usually, Arte Povera.

Initiated in 1967 by the Italian art critic and curator Germano Celant, Arte Povera does not despite its title mean impoverished, or poor, art but represents art made without any restrictions. It epitomises a complete openness towards the application of materials and practices and has as its inspiration the economic and political instability of Italy in the 1960’s.

We do not know precisely when the Arte Riciclata works were initiated nor do we know which city the artist was residing in at the time of their creation (we suspect it may have been Milan in the mid-seventies) In the official Bruna X catalogue we suggested that the time period was much earlier than this but it turns out that the information we were given was not accurate.

None of this of course takes anything away from the beauty of the individual pieces. Utilising recycled foam containers, the artist created a series of three-dimensional images mainly abstract in style. The vividly distinct colours are not mixed or shaded but applied directly onto the surface which explains the serene, at times almost Fauvist atmosphere they invoke.

technical note:

To avoid issues of shadowing that result in the part-obstruction of certain images, we have presented the Arte Riciclata works on this site as one-dimensional figures. To view examples of how they actually appear (in three-dimensional format) please click here
arte riciclata
La veduta esoterica dell’artista Bruna X, era fortemente individualizzata. Lei sceglieva di ignorare e non  focalizzare nella politica Italiana, e non dimostrava alcun attivo interesse verso il movimento ambientalista. È importante tenere presente questo fatto quando si prende in considerazione le sue composizioni di Arte Riciclata dato che ci fu’ una certa confusione riguardo le loro origini. La sua Arte Riciclata venne erroneamente classificata come una delle Eco-Art, il riciclaggio dei materiali con una veduta di ethos compatibile con il movimento ambientalista, o più spesso, come Arte Povera.

Iniziato nel 1967 dal critico d'arte Italiano e curatore Germano Celant, il movimento dell’Arte Povera non ha mai significato, nonostante il suo titolo, arte impoverita, o arte povera, ma rappresenta l'arte fatta senza alcuna restrizione. L’Arte Povera incarna una completa apertura verso l’applicazione di materiali e di pratiche che ebbero come ispirazione l'instabilità economica e politica dell'Italia

Non sappiamo esattamente quando le opera di Arte Riciclata siano state fatte, né la locazione dove siano state dipinte,sospettiamo che questi unici quadri a olio siano stati creati a Milano durante la metà degli anni Settanta). Nel catalogo ufficiale Bruna X abbiamo suggerito che il periodo di tempo della loro creazione sia stato molto prima che durante gli anni settanta, ma da allora abbiamo scoperto che quelle informazioni non erano precise.

Nulla di tutto questo naturalmente detrae dalla bellezza dei singoli pezzi. Utilizzando contenitori riciclati del tipo vaschette di schiuma/polyester (usati dai supermercati per metterci il mangiare tipo carne o verdure), l'artista ha creato una serie di immagini tri-dimenzionali, soprattutto quadri astratti nello stile. La vivacità dei colori distinti che non vengono mischiati, ne ombreggiati, ma che vengono applicati direttamente sulla superficie, crea un atmosfera sereno, a volte quasi evocando un atmosfera Fauvista.

nota tecnica:

Per evitare problemi di ombra che si creano nel riprodurre sull’internet una imagine tri-dimenzionale (che cosi’ riprodotta crea ombra, coprendo una parte dellimagine), abbiamo presentato I quadri di Arte Riciclata su questo sito come se fossero piatti. Per vedere esempi di come questi quadric a olio appaiono effettivamente, (in formato tri-dimensionale), siete pregati di cliccare qui.